Page 7 - Shiatsu News 41 - settembre ottobre 2013

Basic HTML Version

SHIATSU E...
5
più pacifico e accogliente.
La nostra epoca è ossessionata
da questa oscillazione-polarità.
Paradossalmente, l’idea (utopi-
stica?) della globalizzazione, in-
vece di rendere più permeabili i
confini li ha resi, nell’immagina-
rio collettivo, più rigidi, per una
diffusa paura della concorrenza
fra Stati, alcuni dei quali posso-
no imporre le loro regole a scapi-
to di altri, che possono rischiare
di essere fagocitati e annienta-
ti. Nel macrocosmo,
in giro per il mondo,
ci sono infiniti esem-
pi di questo perico-
loso oscillare: guerre
preventive, stermini,
respingimenti e altri
disastri: invadenza è
anche l’inquinamento
dell’aria, dell’acqua e
della terra. La violen-
za che si fa alla
Terra
– e si avver-
te sul senso di confine, caratteri-
stica del
Metallo
(
se il figlio piange
è della madre che ci si deve occupa-
re
) – costruendo in modo ecces-
sivo, deviando i corsi dei fiumi e
costruendo imponenti dighe che
poi crollano travolgendo interi
paesi, e togliendo alla
Terra
, con
i disboscamenti, la contenzione
del
Legno
, le radici degli alberi,
sconvolge ogni equilibrio. Av-
velenare poi la Terra equivale ad
Il Vallo di Adriano
Sopra, una foto della
fortificazione in pietra,
fatta costruire
dall’imperatore romano
Adriano nella prima metà
del II secolo d.C.,
che segnava il confine
tra la provincia romana
occupata della Britannia
e la Caledonia.
avvelenare la nostra
Madre, il nostro so-
stegno, il nostro nu-
trimento. L’insulto
alla Terra – madre
e femmina – ha
una manifestazio-
ne e rappresenta-
zione tragica nel
cosiddetto
fem-
minicidio
che di-
laga nel mondo.
Si tratta di qual-
cosa di estrema-
mente allarman-
te: in natura,
quandounaspe-
cie – che sia del
regno anima-
le o vegetale –
sopprime la parte fem-
minile, deputata a procreare, è
votata all’estinzione.
La violenza sull’aria, meno vi-
sibile delle altre forme di vio-
lenza, colpisce a livello indivi-
duale in modo immediato la
nostra possibilità di scambiare
con l’ambiente esterno: il respi-
ro. L’aumento delle allergie, del-
le intolleranze e delle patologie
a carico dell’apparato respirato-
rio, denuncia che lo
squilibrio
di confine
e il mancato rispetto
dell’ambiente hanno superato il
livello di guardia.
Ne va anche della nostra
asserti-
vità
, qualità del
Metallo
oltre che
del
Legno
; infatti questa è tale, e
non è invadenza/prevaricazione
solo se c’è consapevolezza del
li-
mite
da rispettare, altrimenti ciò
che diciamo o facciamo risuona
come irrilevante e senza valore,
o fastidioso e inaccettabile. Con
una chiara percezione del limite
– nostro e altrui, autostima e sti-
ma – e una distinzione tra que-
sto e il confine permeabile che
consente lo scambio, nutrimen-
to del
Qi
, anche la nostra asser-
tività equilibrata e decisa ver-
rà notata, risulterà propositiva
senza essere invadente e trove-
rà ascolto.
Dato che sappiamo bene che al
n. 41 - Settembre 2013
NEWS
Limes
definisce
l’ambito, l’estensione
di un territorio e ne
indica il termine; mentre
con-fine
indica che lo
sguardo va già oltre