Page 35 - Shiatsu News 41 - settembre ottobre 2013

Basic HTML Version

biare gas col sangue pas-
sando, per far ciò, attra-
verso le pareti sottilissime
degli alveoli. Inoltre i Pol-
moni portano il Ki verso
il basso e verso l’interno,
cioè portano il Ki del re-
spiro ai Reni per ancorar-
lo: solo così può poi esse-
re distribuito agli organi e
ai tessuti. L’intestino cras-
so assorbe i liquidi dalle
pareti per solidificare i re-
sidui della digestione ed
espellerli dal corpo. L’or-
gano di senso del Metallo è il naso, e il senso è
l’odorato, uno dei nostri modi per collegarci con
l’ambiente. È un modo immediato, fisico, non in-
tellettuale. L’epitelio olfattivo, la piccola porzione
di recettori olfattivi posti nella parte posteriore
delle narici,è la sola parte del complesso cerebrale
esposta all’atmosfera ed è collegata al sistema lim-
bico del cervello dove vengono prodotte risposte
emozionali ed istintuali immediate. Questo è un
esempio della funzione del Po, l’intelligenza cor-
porea che risponde alle impressioni sensoriali.
Alcune parole chiave di questa fase: valore, con-
duzione, struttura, limiti, dolore.
Valore
: il carattere cinese per metallo è lo stesso
della parola oro.
Conduzione
: il metallo è un conduttore di calore,
magnetismo, elettricità ed è un mezzo attraverso
cui passano i messaggi (scambio).
Struttura
: struttura mentale che ci permette di
prendere nuove idee ed elaborarle. Avere una
struttura equilibrata ci permette di comunicare
con gli altri pur rimanendo se stessi.
Limiti
: confini fra sé e gli altri. Il nostro limite fisi-
co è la pelle. Limiti psichici: un Me-
tallo equilibrato ci dà la capacità di
esserne consci, ma non prigionieri e
se necessario di superarli.
Dolore
: emozione chederivadall’in-
terruzione di legami. Il pianto serve
a liberare l’energia e superare una
situazione di blocco. Inoltre il pian-
to influisce molto sulla respirazione
(contrazioni dell’addome). Il dolore
spesso è causa di affezioni respira-
torie (es. polmonite negli anziani).
Il dolore è inevitabile nella vita: per
la perdita della giovinezza, del vigore, dei legami,
delle amicizie ecc. Ma un Metallo sano e flessibile
include tali cambiamenti e permette che la perdi-
ta faccia spazio per nuove immissioni.
In autunno l’aria si fa più fresca e umida, le gior-
nate si accorciano, il nostro corpo, abituato ai cibi
rinfrescanti dell’estate, deve prepararsi ad una
nuova trasformazione.
Nel nostro corpo abbiamo una specie di “termo-
stato” che ci aiuta a vivere in sintonia con le con-
dizioni dell’ambiente esterno e, se c’è armonia,
tutto funziona al meglio.
Per mantenere o riacquistare tale armonia la base
è sempre l’alimentazione.
Nei mesi caldi estivi il nostro corpo deve mante-
nersi fresco: ecco che prevalgono cibi rinfrescanti
(insalate, verdure crude o poco cotte, tofu, ecc.).
Ora per prepararci al freddo invernale dobbiamo
cominciare ad usare
verdure di stagione
(zucchi-
ne, broccoli, cime di rapa, cavoli, ecc.) cotti a va-
pore, in stufato, saltati. E poi pesce, seitan, legumi
(questi ultimi sempre molto cotti e con alga kom-
bu). E i cereali appena raccolti che racchiudono
n. 41 - Settembre 2013
NEWS
MACROBIOTICA
33